Stampa
Categoria: Acquariofilia
Visite: 224
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Sono acquariofilo da poco meno di anno, ma per quanto riguarda il fai da te mi sono dato già abbastanza da fare!
Per necessità ho provato a costruire vari tipi di filtro sfruttando il soffio dell'aeratore. Ho adoperato bottiglie, cannolicchi, tubi, spugne, calze, alla fine l'opzione più efficiente si è dimostrata replicare i filtri ad aria già esistenti in commercio.

OCCORRENTE
Canaline da elettricista, massimo diametro 16mm più è piccolo meglio è.
Angoli della misura della vostra canalina.
Una spugna del tipo usato per l'interno dei filtri.
Un aeratore.
Tubo per aeratore.
Ventosa da acquario.
Cacciavite o trapano.
Seghetto.

SPESA PREVISTA
1,50€ per canaline e angoli
La spugna probabilmente l'avrete già tra i vostri materiali di avanzo, ne basta poca.
1€ per il tubo dell'aeratore ma è decisamente più lungo del necessario in ferramenta potreste risparmiare qualche centesimo.
Tra i 6 e i 12€ per l'aeratore a seconda di quello che sceglierete di prendere.
Cacciavite o trapano

RISPARMIO EFFETTIVO
L'aeratore avreste dovuto comprarlo comunque, il filtro in commercio costa circa 7€ noi resteremo intorno ai 2€.

COME PROCEDERE
Procuratevi curve, angoli, incroci a T per assemblare la canalina a seconda delle vostre necessità. Se volete replicare un filtro a due spugne vi servirà una T e un angolo. Io costruirò un filtro a una sola spugna e userò due angoli, la T che userò è solo un vezzo non è propriamente necessaria.
Usando un seghetto sezionate la canalina delle misure che vi necessitano, tenete presente che più il livello dell'acqua sarà basso più il filtro farà fatica a sollevare l'acqua. La composizione ottimale prevede che l'uscita del filtro capiti poco sopra il livello dell'acqua.
Usando un trapano, o un cacciavite arroventato (inutile dire che sono pratiche pericolose, cimentatevi in esse solo se avete una certa manualità) forate a mitraglia la parte finale della canalina immersa che pescherà l'acqua. 
Inserite il tubo dell'aeratore nella canalina che avete appena forato, fatelo arrivare fino alla parte di canalina verticale. Più la canalina è stretta più l'aria eserciterà pressione e solleverà l'acqua con più energia fino all'uscita del filtro, aspirandone a sua volta dalla parte che avete forato.
Avvolgete una spugna intorno alla canalina che avete forato in modo che l'acqua venga filtrata, potete fissarla con delle fascette o del filo di nylon da pesca.
Mettete un pezzettino di lana di perlon nel buco dove avete inserito il tubo dell'aeratore in modo da filtrare anche l'acqua che viene da quella direzione.

Se ci sono perdite d'acqua dalle giunture ad angolo delle canaline potete sigillarle con siliconi adatti o altri collanti che non rilascino sostanze tossiche, tuttavia ve lo sconsiglio la maggiorparte dell'acqua farà comunque il percorso previsto e le eventuali perdite saranno comunque passate attraverso la spugna; quindi filtrate.
La comodità di questo filtro sta proprio nel poterlo smontare e riassemblare a seconda della necessità del momento.
Se non vi funziona provate ad usare lunghezze diverse ed inclinare per le sezioni di canalina in modo da far arrivare più agevolmente l'acqua oltre la superficie.